Come eliminare il gonfiore addominale: Cause, sintomi e rimedi naturali

Come eliminare il gonfiore addominale: Cause, sintomi e rimedi naturali

Il gonfiore addominale è un disturbo molto frequente che interessa sia uomini che donne di tutte le età. Si manifesta principalmente dopo i pasti, con sensazione di tensione e gonfiore della pancia. Può associarsi a dolore, crampi, flatulenza, nausea e mal di testa. In alcuni casi compare occasionalmente, dopo pasti particolarmente abbondanti.

Altre volte si presenta cronicamente ed è spia di patologie gastrointestinali o di altra natura. Indipendentemente dalla causa, è possibile alleviare e prevenire il gonfiore addominale seguendo alcuni consigli e rimedi naturali. In questo articolo analizzeremo le possibili cause del meteorismo e vedremo quali soluzioni adottare per ridurre il fastidio e ritrovare la pancia piatta.

Possibili cause del gonfiore alimentare

Tra le possibili cause troviamo un’alimentazione scorretta, come l’eccessivo consumo di cibi che favoriscono la fermentazione o il meteorismo, oppure intolleranze o allergie a specifici alimenti come lattosio, fruttosio etc. Anche lo stress gioca un ruolo chiave, in quanto può alterare la motilità intestinale e la digestione.

Nei soggetti di sesso femminile, le variazioni ormonali come mestruazioni o menopausa possono determinare gonfiore. Non vanno sottovalutate poi patologie a carico dell’apparato gastrointestinale, come la sindrome dell’intestino irritabile, la celiachia, il reflusso gastroesofageo o la disbiosi intestinale.

Quali sono i sintomi associati al gonfiore addominale?

Si manifesta con sintomi piuttosto caratteristici a livello della pancia. Il disturbo principale è la sensazione di tensione e distensione addominale, più evidente dopo i pasti. Spesso si ha un rigonfiamento visibile della pancia, con aumento della sua circonferenza. Oltre al gonfiore vero e proprio, sono frequenti dolore, crampi e fitte alla pancia. La flatulenza e l’aerofagia contribuiscono ad aggravare la situazione.

Si può avvertire senso di pienezza anomalo anche dopo pasti leggeri. Tra gli altri disturbi digestivi tipici vi sono nausea, inappetenza, eruttazioni e bruciori gastrici. Il meteorismo addominale può associarsi anche a sintomi sistemici come mal di testa, debolezza, difficoltà digestive e alterazioni dell’alvo. Riconoscere questi segnali è il primo passo per individuare la causa scatenante e applicare i rimedi giusti.

Alimenti e abitudini che favoriscono il gonfiore addominale

L’alimentazione e certe abitudini scorrette sono tra le principali cause del gonfiore addominale. Alcuni alimenti come quelli contenenti FODMAP, proteine, lievitati, alcolici e bevande gassate favoriscono la produzione di gas e possono provocare meteorismo. Anche i cibi fritti, molto speziati o conditi contribuiscono. Le reazioni variano da persona a persona, per alcuni anche frutta, verdura o latticini possono dare disturbi.

Tra le abitudini che inducono gonfiore: mangiare velocemente, masticare poco, parlare e mangiare insieme, fumare o masticare chewing-gum. Questi comportamenti portano ad ingoiare aria in eccesso. Riconoscere gli alimenti “nemici” e correggere le cattive abitudini è il primo passo per prevenire il fastidioso gonfiore addominale.

Gonfiore addominale e intolleranze

Il gonfiore della pancia ricorrente può essere sintomo di un’intolleranza alimentare, in particolare al lattosio. Chi è intollerante al lattosio non riesce a digerire questo zucchero contenuto nei latticini. Il lattosio non assorbito si accumula nell’intestino, dove viene fermentato da batteri con produzione eccessiva di gas.

Oltre a provocare gonfiore e tensione addominale, l’intolleranza al lattosio può dare sintomi come diarrea, nausea, vomito e difficoltà digestive dopo l’assunzione di latte o derivati. Anche l’intolleranza al fruttosio e al glutine (celiachia) possono manifestarsi con meteorismo e disturbi gastrointestinali. Individuare eventuali intolleranze è il primo passo per prevenire il gonfiore ricorrente.

La dieta per ridurre il gonfiore addominale

Per sgonfiare la pancia ed evitare il meteorismo è utile seguire una dieta antigonfiore che prevede:

  • Prediligere alimenti facilmente digeribili e poveri di FODMAP, come riso, kamut, quinoa, carne, pesce, uova.
  • Limitare il consumo di latticini, legumi e verdure che causano gonfiore, come cavoli, cipolla, carciofi.
  • Consumare pane, pasta e cereali preferibilmente integrali e senza glutine se si è intolleranti.
  • Evitare cibi fritti, molto grassi, e limitare dolci e zuccheri semplici.
  • Fractionare i pasti in più piccole porzioni per non affaticare l’intestino.
  • Bevande: tisane, acqua, centrifugati senza zucchero. Evitare bevande gassate e alcol.
  • Moderare sale e spezie irritanti.

Seguire una dieta sbilanciata e ricca di cibi flatulenti è una delle cause principali del gonfiore addominale ricorrente. Correggere l’alimentazione è il primo passo.

Routine efficaci per un ventre piatto

Per sgonfiare ed appiattire la pancia gonfia, oltre ad intervenire sull’alimentazione, è utile praticare degli esercizi mirati. Una routine quotidiana di 10-15 minuti può davvero fare la differenza. Gli esercizi per il gonfiore addominale più efficaci sono:

  • Torsioni del busto, per stimolare l’intestino pigro.
  • Plank frontali, laterali e inversi, per rinforzare la muscolatura profonda.
  • Ponte a terra, ideale per il pavimento pelvico.
  • Sollevamenti delle gambe da sdraiati, per migliorare la digestione.
  • Posizioni Yoga come la candela e la barca, per ridurre tensioni e meteorismo.
  • Camminata veloce ed esercizi aerobici, per accelerare il transito intestinale.

Unire agli esercizi una corretta respirazione, massaggiando delicatamente la pancia in senso orario. L’attività fisica, abbinata ad una dieta sgonfiante, aiuta a ritrovare un addome piatto.

Supporto alla digestione per alleviare il gonfiore

Per contrastare il gonfiore addominale può essere utile affiancare all’alimentazione mirata e all’attività fisica l’assunzione di integratori naturali che favoriscono la digestione e combattono meteorismo e flatulenza. Tra i più efficaci citiamo:

  • Integratori a base di zenzero, potente anti-nausea e digestivo.
  • Tè verde, drenante e antiossidante.
  • Finocchio, carminativo contro i gas intestinali.
  • Curcuma, antinfiammatoria e detox.
  • Preparati a base di probiotici, per riequilibrare la flora.
  • Integratori di enzimi digestivi da assumere durante i pasti.

Scegliere prodotti di origine naturale, senza eccipienti irritanti. Chiedere consiglio al medico o al nutrizionista per individuare l’integratore naturale più indicato per alleviare il proprio disturbo di gonfiore addominale.

Qualche rimedio naturale per ridurre il gonfiore

Oltre a correggere l’alimentazione, possono essere utili alcuni rimedi naturali. Tra i più efficaci ci sono il carbone vegetale, che assorbe i gas intestinali, e le piante carminative come finocchio, anice, menta, melissa e camomilla dall’azione digestiva e antifermentativa. Anche l’integrazione con fibre naturali come psyllium, glucomannano, agar agar e gomma di guar favorisce la regolarità intestinale.

Molto utili sono gli integratori di fermenti lattici e frutto-oligo-saccaridi che riequilibrano la flora batterica contrastano il gonfiore. Sfruttando le proprietà di erbe, spezie ed ingredienti naturali è possibile alleviare il meteorismo in modo delicato e privo di effetti collaterali. Basta scegliere il rimedio più adatto dopo aver consultato uno specialista.

Preferenze Privacy