Periodo di potatura delle ortensie

Periodo di potatura delle ortensie

In autunno si potano le ortensie, tagliando i rami vecchi e secchi. Anche in primavera serve una potatura leggera. Bisogna usare cesoie bene affilate per fare tagli netti. I rami giovani vanno solo accorciati. Potate nel modo giusto, e le vostre ortensie fioriranno rigogliose.

Le bellissime ortensie, con i loro fiori colorati, necessitano di potature mirate per una crescita rigogliosa. Appartenenti alla famiglia Hydrangeaceae, hanno uno sviluppo rapido e abbondante.

La potatura delle ortensie serve ad eliminare le parti non necessarie, permettendo alla pianta di rinnovarsi. Una corretta potatura favorisce la fioritura, il ricambio d’aria ed il benessere generale.

Queste piante acidofile non hanno bisogno di molte cure, tranne innaffiature moderate ed una buona potatura. Tecnicamente è un’operazione semplice, ma vanno seguiti alcuni accorgimenti.

In questa guida completa analizzeremo nel dettaglio il periodo migliore per potare le ortensie. Scopriremo quando intervenire sulla pianta per stimolare nuove gemme e abbondanti fioriture. Impareremo ad evitare errori che possono compromettere la crescita.

La potatura delle ortensie: il periodo migliore per intervenire

La potatura è fondamentale per la salute e la fioritura delle ortensie. Serve per contenere la crescita, specialmente in vaso, e favorire nuovi germogli. Si effettua solo su piante adulte, mentre le giovani vanno solo sfoltite.

Il periodo migliore per potare le ortensie dipende dalla varietà e dall’obiettivo. Per stimolare nuove fioriture, il momento ideale è l’autunno, nella fase di riposo vegetativo. Le specie che fioriscono sui rami vecchi vanno potate a fine inverno, con il ritorno delle temperature miti.

Durante la potatura vanno rimossi fiori secchi, rami vecchi e lignificati. Si privilegiano i rami giovani, controllando l’età dalla corteccia: liscia sui rami recenti, squamata su quelli esauriti. Ogni anno si elimina una parte dei rami invecchiati, favorendo la crescita di nuovi germogli e ringiovanendo la pianta. L’ortensia fiorirà rigogliosa grazie a queste potature mirate.

Intervenire nel momento giusto, né troppo presto né troppo tardi, è cruciale. Con la tecnica appropriata si ottengono splendide fioriture annuali.

Come si potano le ortensie in autunno?

L’autunno è il periodo ideale per potare le ortensie e stimolare nuove fioriture. Dopo aver individuato i rami sani, si tagliano quelli vecchi e legnosi alla base. I rami giovani vanno accorciati, rimuovendo circa un terzo della lunghezza. Si eliminano anche foglie e fiori secchi.

Con questa potatura mirata, si favorisce lo sviluppo di nuovi germogli rigogliosi. Per una crescita ordinata, è bene lasciare 4-5 gemme su ogni ramo. Annaffiare moderatamente durante l’inverno. In primavera, le ortensie potate in autunno si copriranno di nuovi fiori.

Come si potano le ortensie in primavera?

La primavera è il momento ideale per potare le ortensie che fioriscono su legno vecchio, come le Hydrangea macrophylla. Dopo la fioritura, si rimuovono con cesoie affilate i rami vecchi e secchi. I rami sani che hanno prodotto fiori vanno accorciati di un terzo, tagliando poco sopra una gemma. Si eliminano anche eventuali polloni alla base.

Questa potatura contenuta favorisce una forma armoniosa e nuove fioriture. Le ortensie ringiovanite e alleggerite potranno sviluppare vigorosamente rami e boccioli per la stagione successiva. Annaffiare e concimare con regolarità dopo la potatura primaverile.

Cosa succede se non si potano le ortensie?

Le ortensie che non vengono potate regolarmente tendono a crescere in modo disordinato e ad infittirsi. Svilupperanno fiori piccoli e numerosi, con uno scarso effetto decorativo. La mancata potatura comporta anche un maggiore rischio di attacchi di malattie e parassiti.

Con il tempo, la pianta non potata tende a deperire nella parte centrale, dove i rami più vecchi non vengono rinnovati. Effettuare annualmente una potatura di contenimento e ringiovanimento è quindi essenziale per mantenere le ortensie sane, vigorose e abbondantemente fiorite. Anche se resistono, le ortensie traggono grande beneficio dalle potature fatte nel modo e nel periodo corretto.

Preferenze Privacy