Proprietà Antinfiammatorie della Agrimonia Eupatoria della famiglia delle Rosacee

Proprietà Antinfiammatorie della Agrimonia Eupatoria della famiglia delle Rosacee

L’Agrimonia Eupatoria, conosciuta anche come Eupatorio, è una straordinaria pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Rosacee. Questa versatile erba officinale, fiorita in estate, vanta un’antica tradizione di utilizzo grazie alle sue proprietà calmanti e digestive.

Le sue foglie e fiori sono ricchi di principi attivi che la rendono un rimedio naturale ideale per affrontare vari disturbi, dalle infiammazioni alle coliche biliari, passando per le somatizzazioni a livello gastroenterico. Scopriamo insieme i segreti di questa pianta meravigliosa, riscoperta e apprezzata fin dall’antichità.

Proprietà antinfiammatorie e antispasmodiche dell’Agrimonia Eupatoria

L’Agrimonia Eupatoria è nota per le sue spiccate proprietà antinfiammatorie e antispasmodiche, che la rendono un valido alleato naturale contro numerosi disturbi. Grazie alla sua azione antinfiammatoria, questa pianta si rivela efficace nel contrastare le infiammazioni a livello dell’apparato digerente e delle vie biliari.

Allo stesso tempo, il suo effetto antispasmodico la rende un rimedio prezioso per alleviare le coliche e gli intasamenti biliari, favorendo il rilassamento dei muscoli e la fluidità delle vie biliari. Queste caratteristiche la avvicinano all’azione del tarassaco, altra pianta epatica di grande valore.

Rimedio naturale per coliche e intasamenti delle Vie Biliari

Una delle principali virtù risiede nella sua capacità di agire sulle coliche e gli intasamenti delle vie biliari. Grazie alle sue proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie, questa pianta si rivela un vero toccasana per chi soffre di questi fastidiosi disturbi.

La sua azione benefica si estende anche alle somatizzazioni a livello gastroenterico, ovvero quelle manifestazioni fisiche che derivano da tensioni o squilibri emotivi. Proprio come il papavero da oppio, anch’esso utilizzato come antispasmodico per le vie biliari, l’Agrimonia Eupatoria aiuta a decongestionare e rilassare l’apparato digerente, alleviando i sintomi legati a questi disturbi.

Pianta epatica e digestiva della tradizione

Fin dai tempi antichi, è stata riconosciuta come una vera e propria pianta epatica, ovvero un rimedio naturale efficace per il benessere del fegato e dell’intero apparato digerente. I popoli tedeschi, in particolare, la utilizzavano come una sorta di “pianta del fegato“, al pari del più noto tarassaco.

La sua capacità di decongestionare il cervello e fiammare l’apparato digerente la rendeva un rimedio ideale per affrontare le somatizzazioni a livello gastroenterico ed epatico, alleviando tensioni e squilibri fisici ed emotivi.

L’Utilizzo calmante di Agrimonia da parte di Hildegarda di Bingen

L’Agrimonia Eupatoria vanta una lunga tradizione di utilizzo come rimedio calmante, risalente addirittura al XII secolo. La celebre monaca benedettina Hildegarda di Bingen, esperta di fitoterapia, impiegava questa pianta per calmare le persone che soffrivano di disturbi della memoria e della concentrazione.

Applicando dei cataplasmi di Agrimonia sulla testa dei pazienti, Hildegarda riusciva a rilassare la mente e a lenire i sintomi legati a questi disturbi. Questo antico utilizzo testimonia l’efficacia calmante dell’Eupatorio, in grado di decongestionare il cervello e di favorire uno stato di serenità e di equilibrio interiore.

Il legame con Mitridate del ponto nel nome “Eupatorio”

Il nome scientifico “Eupatorio” attribuito all’Agrimonia ha un’origine affascinante, che risale addirittura all’antichità. Questo nome, infatti, richiama il celebre Mitridate del Ponto, un personaggio storico del I secolo a.C. noto per essere un esperto di erbe medicinali.

Mitridate aveva scoperto che assumendo piccole dosi di veleno, il corpo umano poteva diventare immune agli effetti tossici di quelle sostanze. Questa straordinaria intuizione lo rese famoso nell’antichità, e il suo nome venne associato a quello dell’Agrimonia, a testimonianza dell’antica tradizione legata a questa pianta dalle molteplici virtù.

Come preparare un infuso di agrimonia per calmare mente e digestione

Per beneficiare appieno delle proprietà calmanti e digestive dell’Agrimonia Eupatoria, è possibile preparare un semplice infuso con le sue foglie. Basta raccogliere le foglie fresche di questa pianta nei campi durante la sua fioritura estiva, e immergerle in acqua bollente per qualche minuto.

L’infuso così ottenuto rappresenta un rimedio naturale ideale per calmare la mente e rilassare l’apparato digerente. Bevuto caldo, questo infuso agirà come un vero e proprio calmante, favorendo uno stato di serenità e di benessere interiore.

Allo stesso tempo, le sue proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie agiranno sulle vie biliari e sull’apparato digerente, alleviando eventuali colicheintasamenti o somatizzazioni a livello gastroenterico.

Dal Blog:

Approfondimenti esterni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Preferenze Privacy