Quando piantare i bulbi da fiore

Quando piantare i bulbi da fiore

I bulbi rappresentano una parte essenziale del ciclo vitale di numerose specie floreali molto amate, come tulipani, narcisi, giacinti e crochi. Sono degli organi sotterranei con forma tondeggiante che accumulano sostanze nutritive, consentendo alla pianta di superare i periodi sfavorevoli e rinascere a nuova vita.

La scelta dei bulbi da fiore e del momento giusto per la loro messa a dimora è cruciale per ottenere fioriture abbondanti e splendidi giardini fioriti. Vedremo quindi nel dettaglio cos’è un bulbo, i principali tipi di bulbi da fiore, il loro ciclo vitale e i consigli pratici su quando è meglio piantarli per avere piante sane e rigogliose.

Varietà di bulbi da fiore

Esistono tre principali categorie di bulbi da fiore:

  • Bulbi da fiori “autunnali”: vengono piantati in autunno, dopo il primo congelamento nella zona di coltivazione. Vanno in letargo durante l’inverno e fioriscono in primavera. Tra i più noti ci sono tulipani, narcisi, giacinti e crochi.
  • Bulbi da fiori “primaverili”: vengono piantati in primavera quando sono passati gli ultimi rischi di gelate. Amano il caldo e fioriscono per tutta l’estate, alcuni fino alle prime gelate autunnali. Tra i più diffusi gigli, dalie, gladioli e begonie.
  • Bulbi da fiori forzati “da interni”: si coltivano in inverno in casa o in altri ambienti interni. Tra i più utilizzati amarilli, paperwhites, narcisi e giacinti. Ideali per portare colore negli spazi interni durante i mesi freddi.

Con una corretta programmazione delle diverse tipologie di bulbi, è possibile ottenere fioriture praticamente tutto l’anno.

Quando piantare i bulbi da fiore

Nei climi più freddi, i bulbi a fioritura primaverile possono essere piantati non appena il terreno è fresco, con temperature serali mediamente tra 4°C e 10°C, e ci sono almeno 6-8 settimane prima del congelamento del suolo. Se tempestivo, questo dovrebbe avvenire il prima possibile dopo l’acquisto. In caso contrario, i bulbi possono essere conservati in frigorifero fino al momento della semina.

I bulbi a fioritura estiva dovrebbero essere piantati da metà a tarda primavera. Nei climi più caldi, i bulbi a fioritura primaverile dovranno essere refrigerati in frigorifero per 6-10 settimane, fino a quando il terreno non si raffredda abbastanza per la messa a dimora. I bulbi a fioritura estiva possono essere piantati dall’inizio alla metà della primavera.

Dove piantare i bulbi

Finché ti assicuri che i tuoi bulbi abbiano un buon drenaggio e luce solare, puoi piantarli praticamente ovunque. Il drenaggio è fondamentale per evitare che i bulbi marciscano. Amano il terreno argilloso o leggermente sabbioso perché fornisce il drenaggio e le sostanze nutritive di cui hanno bisogno.

I fiori all’inizio della primavera possono essere piantati sotto alberi decidui dove riceveranno abbastanza sole per sbocciare prima che le foglie dell’albero blocchino la luce. Tuttavia, fioriranno bene solo il primo anno, poiché avranno bisogno della luce solare più avanti nella stagione affinché le foglie raccolgano energia sufficiente per i fiori dell’anno successivo.

Pianifica prima di piantare

Possono essere coltivati ​​in molti modi: giardini formali, giardini di prato, sparsi nei prati, sotto gli alberi o piantati strategicamente su aiuole e bordi. Molti bulbi si naturalizzeranno in un’area e si moltiplicheranno, tornando anno dopo anno, quindi pianifica attentamente e potrai goderti anni di divertimento da una sola piantagione.

  • Piantare a grappolo per un maggiore impatto visivo.
  • Prendi in considerazione il tempo di fioritura: pianta una combinazione di fiori di inizio, metà e fine stagione per prolungare la stagione.
  • Nascondi il fogliame morente di bulbi a bassa crescita che hanno superato il loro apice con bulbi più alti piantati davanti o con piante da compagnia.
  • Stratifica le altezze delle piante dalla parte anteriore a quella posteriore quando si piantano varietà che fioriranno contemporaneamente.
  • Molti bulbi sono perfetti per la semina in contenitori: mettili in vista quando fioriscono e spostati quando il fogliame sta appassindo e quando è dormiente. Piantare più vicini tra loro in contenitori rispetto a quanto specificato per la semina interrata.
  • Le lampadine possono fornire colori brillanti e vivaci: pensa a come quei colori si fonderanno con l’ambiente circostante.
  • Le piante da compagnia mantengono attiva l’area di impianto quando i bulbi sono dormienti. Alcuni buoni compagni perenni sono sedum, coreopsis, timo, embrione, daylilies, campane di corallo, brunnera, hosta, elleboro o cuore sanguinante.

Come piantare i bulbi

I bulbi possono essere piantati a strati scavando un’intera area fino alla profondità adeguata, posizionando i bulbi e la copertura; o in singole buche scavate per ogni bulbo.

  1. Determina la profondità di impianto per il tipo di bulbo che stai piantando. Se piantati troppo in profondità, i fiori sbocceranno tardi o non fioriranno affatto. Se piantato troppo poco profondo, la nuova crescita potrebbe essere esposta troppo presto e rischiare danni a causa delle basse temperature. Se non sei sicuro dell’esatta profondità di impianto, una buona regola generale è piantare il bulbo da 2 a 3 volte più profondo dell’altezza del bulbo.
  2. Preparare il terreno allentando e mescolando con materiale organico se necessario per aggiungere nutrienti o per migliorare il drenaggio. È possibile aggiungere fertilizzanti speciali per bulbi; segui le indicazioni sulla confezione.
  3. Posiziona i bulbi con la punta rivolta verso l’alto e con le radici verso il basso. Se non sei sicuro della parte superiore o inferiore del bulbo, piantalo su un lato e troverà la sua strada verso la superficie.
  4. Coprire con terriccio e un leggero strato di pacciame.
  5. I bulbi appena piantati dovrebbero essere annaffiati bene per sistemarsi.
  6. Se necessario, proteggi i bulbi dalle creature appoggiando una rete metallica o un filo di pollo sui letti o piantandoli in cesti per bulbi o gabbie metalliche.

Prendersi cura dei bulbi da fiore

Dopo la fioritura, tagliare solo lo stelo del fiore, lasciando intatto il fogliame. Le foglie continueranno a raccogliere e immagazzinare energia per l’anno successivo. Se vengono tagliate troppo presto, i bulbi potrebbero non rifiorire bene o addirittura non rifiorire l’anno dopo.

  • Bulbi primaverili: nei climi caldi possono essere dissotterrati dopo la fioritura e conservati fino all’autunno per un nuovo periodo di raffreddamento. Nei climi freddi possono restare nel terreno, dove molti si moltiplicheranno spontaneamente tornando a fiorire ogni anno.
  • Bulbi estivi: nei climi caldi possono essere lasciati nel terreno ricoperti con pacciamatura isolante per l’inverno. Nei climi freddi andranno invece dissotterrati e conservati al riparo fino alla primavera successiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Preferenze Privacy