Quando si pianta la stella di natale

Quando si pianta la stella di natale

Le Stelle di Natale sono tra le piante da interno più decorative grazie ai colori vivaci delle loro brattee, che somigliano a fiori ma in realtà sono foglie modificate.

Originarie del Messico, appartengono alla famiglia delle Euphorbia. Solitamente le utilizziamo come addobbi natalizi, ma in realtà sono piante che si possono coltivare tutto l’anno seguendo alcune semplici cure.

Le brattee, che fungono da richiamo per gli insetti impollinatori, cambiano colore in inverno assumendo tinte rosse, rosa o bianche. Dopo la fioritura cadono, lasciando visibili i piccoli fiori gialli centrali.

La linfa biancastra delle Stelle di Natale può causare irritazioni cutanee al contatto, quindi è bene utilizzare guanti durante la cura. Inoltre va evitato il contatto con occhi e bocca. Dopo l’utilizzo pulire bene gli attrezzi perché la linfa può renderli appiccicosi.

Seguendo alcuni semplici accorgimenti, le Stelle di Natale possono essere coltivate come piante ornamentali tutto l’anno, regalandoci splendidi colori anche al di fuori del periodo natalizio.

Come coltivare la Stella di Natale

La Stella di Natale, conosciuta anche come Poinsettia, è apprezzata soprattutto per le sue ampie e decorative foglie di colore rosso intenso che la rendono una pianta ornamentale perfetta per le festività natalizie.

Solitamente la teniamo in casa come pianta in vaso, ma sarete sorpresi di sapere che si può coltivare con successo anche in giardino, mettendola a dimora in piena terra.

Che decidiate di tenerla in vaso o in piena terra, fornendole le giuste cure e attenzioni potrete godere a lungo della sua splendida fioritura che regala colore e atmosfera natalizia. Con le adeguate irrigazioni, concimazioni ed esposizione al sole, la vostra Stella di Natale vi stupirà con foglie dalle tonalità rosse brillanti e intense.

Temperatura ideale

Le Stelle di Natale vanno coltivate in casa come piante d’appartamento, dato che non tollerano il freddo invernale se messe a dimora in piena terra.

Per farle stare bene ed evitare stress termici, l’ideale è mantenere una temperatura diurna tra i 19-21°C e una temperatura notturna leggermente più fresca, intorno ai 15-18°C.

Evitate di posizionarle vicino a fonti di calore come termosifoni, caminetti o fornelli, dove si surriscalderebbero. Meglio scegliere zone più fresche come mensole di marmo o granito, o il lato nord dell’ambiente se riceve luce sufficiente.

Importante è che non siano esposte a sbalzi termici, quindi non troppo vicine a finestre, condotti d’aria o zone di corrente. Le brusche variazioni di temperatura possono causare la caduta precoce di foglie e brattee.

Per farle durare più a lungo, garantite alle Stelle di Natale una temperatura stabile tra 15 e 21°C, evitando con cura i punti troppo caldi della casa.

Luce

Le Stelle di Natale hanno bisogno di stare in un punto luminoso della casa, con 6-8 ore di luce indiretta al giorno proveniente da una finestra. L’ideale è posizionarle a circa 30 cm da una finestra, facendo attenzione che i raggi diretti del sole non colpiscano le foglie, perché potrebbero sbiadirle.

Se avete finestre a sud o ovest da cui entra tanta luce in inverno, usate tende leggere per filtrare i raggi solari troppo intensi. Se invece la vostra casa è buia, integrate con luci da interno specifiche per piante.

È importante garantire la giusta quantità di luce alle Stelle di Natale, quindi ricordate di aprire tende o tapparelle e, se necessario, aggiungere un illuminazione extra. Con la luce adeguata, le vostre piante regaleranno splendidi colori accesi!

Annaffiature

Per far fiorire rigogliosa la Stella di Natale, è importante prestare attenzione all’irrigazione: il terreno va mantenuto umido ma non fradicio.

Durante la fioritura invernale, annaffiate regolarmente quando la superficie del terreno è asciutta al tatto. Fate attenzione che non ci siano ristagni nel sottovaso.

Se il vaso non ha fori di drenaggio, rinvasatela in uno che li abbia. Togliete eventuali coperture decorative prima di innaffiare e lasciate scolare completamente l’acqua in eccesso.

Nella fase di riposo vegetativo invece, da marzo ad aprile, bagnate ogni 2 settimane circa, finché l’acqua non esce dal fondo.

Con le giuste annaffiature regolari senza eccessi, manterrete il terreno umido ed eviterete il deperimento delle foglie.

Concimazione

Le Stelle di Natale non necessitano di concimazione durante la fioritura natalizia.

Se invece decidete di tenerle tutto l’anno come piante ornamentali, in primavera-estate, quando producono nuove foglie, potete concimarle ogni 3 settimane con un fertilizzante liquido per piante da appartamento diluito alla metà.

I fertilizzanti specifici per Stelle di Natale hanno basso contenuto di fosforo e alto di potassio. Ma anche un concime universale andrà bene, utilizzato a dosi dimezzate.

La concimazione primaverile-estiva vi garantirà piante dalla crescita sana e rigogliosa che produrranno bellissime fioriture rosse il prossimo Natale!

Quando e come trapiantare la Stella di natale in giardino

Trapiantare la Stella di Natale in giardino è possibile, basta scegliere il momento giusto e seguire alcuni accorgimenti.

L’ideale è metterla a dimora in piena terra in primavera inoltrata, indicativamente a maggio, quando è terminato il rischio di gelate. Prima di trapiantarla aspettate che finisca la fioritura invernale e cadano le brattee colorate.

Scegliete un punto del giardino in mezz’ombra, non a pieno sole, e preparate una buca ampia, aggiungendo terriccio universale mescolato con compost o stallatico maturo. Questo garantirà un buon drenaggio ed apporto di sostanze nutritive.

Posizionate la pianta nella buca, coprendo bene la zolla con la terra. Annaffiate a fondo e continuate ad irrigare quando il terreno si asciuga nei periodi secchi. Potete anche pacciamarla con corteccia triturata.

Con un trapianto primaverile nel terreno adatto e in posizione a mezz’ombra, la vostra Stella di Natale crescerà rigogliosa regalandovi fioriture a lungo!

Preferenze Privacy